Palmeto

Una discreta collezione di palme, collocata nella parte alta dell’Orto Botanico in vicinanza di una polla d’acqua, comprende le specie: Jubaea chilensis (Molina) Baill. (palma da vino cilena), Washingtonia filifera (Linden ex André) H. Wendl. (palma californiana), Chamaerops humilis L. (palma nana), Phoenix canariensis Chabaud (palma delle Canarie) e Phoenix dactylifera L. (palma da datteri); quest'ultima, pur essendo una specie particolarmente sensibile alle basse temperature, vegeta molto bene grazie al riscaldamento del suolo dovuto alle falde sotterranee.La palma da vino di origine cilena (Jubaea chilensis (Molina) Baill.), che in natura cresce ai piedi della catena andina, è invece una specie resistente al freddo, ha un fusto il cui diametro può raggiungere valori tra i maggiori mai misurati tra le palme. Anche Washingtonia filifera (Linden) Wendl., così chiamata in onore del primo presidente degli Stati Uniti, originaria della California e del  Messico, si adatta a zone con inverni rigidi e brevi gelate.