Ophrys bombyliflora Link

  • Nome comune: Ofride fior di Bombo
  • Famiglia: Orchidaceae
  • Provenienza: Distribuzione mediterranea; presente anche nelle Isole Canarie. È presente nei pascoli, garighe e cespuglieti, fino a 600 m di altitudine, su suoli calcarei asciutti o relativamente umidi. È piuttosto comune in Italia meridionale e centrale e nelle isole; assente dall’Italia settentrionale, ad eccezione dell’Emilia Romagna.
  • Tipo corologico: Steno - Medit. - Occid.
  • forma biologica: G bulb
  • Periodo fioritura: Apr. - Mag.

Piccola pianta erbacea, alta 5-20 cm.
Foglie inferiori disposte a rosetta, relativamente corte, ovato-lanceolate, con apice acuto. Infiorescenza lassa, composta da 2-5 fiori di piccole dimensioni. Brattee larghe, concave, più corte dell’ovario. Sepali verdi, ovati, concavi, arrotondati all’apice, divergenti o riflessi all’indietro. Petali molto corti, triangolari, ottusi o troncati all’apice, pubescenti, verdastri o giallo-verdastri, più scuri e brunastri alla base. Labello trilobo, con i lobi laterali incurvati verso il basso e prolungati in avanti in due gibbosità coniche e villose; lobo mediano emisferico, con i margini laterali nettamente curvati all’indietro, bruno e pubescente nella porzione apicale, con una vasta area glabra e plumbea alla base; appendice apicale verdastra, larga e corta, rivolta all’indietro. Colonna corta, ottusa all’apice. Il meccanismo di impollinazione delle orchidee del genereOphrys è basato sull’emissione di sostanze volatili (feromoni) in grado di esercitare una forte attrazione sessuale sui maschi di alcune specie di Imenotteri. Questi ultimi, ulteriormente sollecitati da stimoli tattili e visivi, nel vano tentativo di accoppiarsi con i fiori scambiati per le femmine della loro specie, asportano i pollinii che trasferiranno poi ad un altro fiore in un altro tentativo di accoppiamento. Alcune specie di Ophrys danno origine a nuove piante anche attraverso la produzione di rizotuberi supplementari: questo meccanismo è particolarmente frequente in Ophrys bombyliflora, ma è presente anche in altre specie.

Letto 253 volte