Salvia officinalis L.

  • Nome comune: Salvia domestica
  • Famiglia: Labiatae
  • Provenienza: Luogo d’origine: Sud-Europa. Altitudine: 0-300 m s.l.m. Ha bisogno di terreno ricco di calcare, di un posto al sole, caldo in estate. Non sopporta molto bene il gelo è, perciò, inselvatichita nell’Europa centrale solo in località a clima caldo. È una vecchia pianta medicinale (salvia deriva dal latino salvare = sanare). Da essa si ricava l’olio di salvia che viene aggiunto nell’acqua per gargarismi e nelle paste dentifrice. Le foglie vengono usate per aromatizzare molte pietanze. I fiori di salvia servono da nutrimento alle api.
  • Tipo corologico: Steno-Medit. - Orient.
  • forma biologica: Ch suffr
  • Periodo fioritura: Mar. - Mag.

DIMENSIONE E PORTAMENTO
Pianta fortemente aromatica a portamento arbustivo, alta 20-70 cm.


FOGLIE, GEMME E RAMETTI
Le foglie sono semplici e disposte in modo opposto. Foglie provviste di picciolo, ovali, lunghe 3-9 cm e larghe 0,6-5 cm; dure, non tutte caduche in inverno, con superficie rugosa ed il margine talvolta leggermente crenato.


STRUTTURE RIPRODUTTIVE
Fiori labiati, lunghi 2-3 cm di colore viola chiaro (raramente bianchi) riuniti in verticillastri che insieme formano una infiorescenza terminale a forma di spiga.

Letto 285 volte