Hedera helix L.

  • Nome comune: Edera
  • Famiglia: ARALIACEAE
  • Provenienza: Pianta originaria delle regioni atlantiche e mediterranee, ha un areale di diffusione molto ampio: dalla Norvegia fino alle latitudini meridionali, arrivando a espandersi fino ai paesi medio-orientali. Si spinge ad altitudini superiori ai 1000 m di quota s.l.m.; trova un ambiente particolarmente favorevole allo sviluppo nei boschi di latifoglie.
  • Tipo corologico: Submedit.-Subatlantica
  • forma biologica: P lian
  • Periodo fioritura: Set. - Ott.

Rampicante sempreverde con una spiccata eterofillia, con foglie palmato-lobate portate dai giovani rami, ovali quelle portate dai rami fertili. Fiori verde-giallastri in ombrella. Frutto: bacca nera.

L’Edera è una pianta lianosa, dal portamento strisciante o rampicante, sempreverde, con foglie semplici, coriacee, di forma variabile, con la pagina inferiore più chiara. Le infiorescenze compaiono in autunno all’apice di rami fertili e sono formate da 8-20 fiori giallo-verdastri. I frutti compaiono la primavera successiva, sono delle bacche ovoidali, nero-bluastre a maturità, velenose per l’uomo.

Piuttosto comune in tutta Italia, dalla pianura fino a 800-1500 m s.l.m., l’edera  è presente sia nelle aree urbane sia negli ambiti più naturali, all’interno di boschi e cespuglieti.

Dalle foglie e dai ramoscelli, che venivano posti a bollire con la lana precedentemente trattata (mordenzata), si otteneva una colorazione gialla piuttosto scura, tendente al color ocra. Questa tintura artigianale e domestica della lana era localmente praticata nelle nostre aree montane. Il decotto di foglie della pianta era utilizzato anche per ravvivare la colorazione di tessuti neri.

In alcuni luoghi i frutti venivano usati per ricavarne un pigmento rossastro, dopo ebollizione con l’allume.

L'edera comune è molto apprezzata in cosmetica per le sue proprietà tonificanti e drenanti, è molto utile contro gli inestetismi della cellulite, ritenzione idrica e gonfiori, ma anche per la cura dei capelli e piccole irritazioni o scottature.Fra i prodotti cosmetici più apprezzati ricavati da questa pianta vi è l’estratto che ha un’azione astringente.

La cenere ottenuta bruciando i rami di H. helix è un ottimo lucidante per l’argenteria. 

Nel linguaggio simbolico, al pari dell’agrifoglio, simboleggia la difesa: rami di agrifoglio ed edera venivano appesi sulle porte e sui camini per difendersi dagli scherzi dei folletti delle case.

Ha proprietà antireumatiche, usata anche contro la tosse; in cosmesi usata per creme contro la cellulite.

Tutte le parti della pianta, in particolare le foglie giovani e le bacche, sono tossiche. 

 

Letto 180 volte