Pinus halepensis Mill.

  • Nome comune: Pino d’Aleppo
  • Famiglia: PINACEAE
  • Provenienza: Originario di tutto l’areale costiero mediterraneo: Europa meridionale (dalla Spagna alla Grecia), nord Africa e Asia Minore. È diffuso e coltivato per l’estrazione della resina e per la forestazione.
  • Tipo corologico: Stenomedit.
  • forma biologica: P scap
  • Periodo fioritura: Mar. - Mag.

Albero sempreverde alto fino a 20 m con chioma verde chiaro. Foglie aghiformi, sottili e morbide, in fascetti di 2, avvolte alla base da una sottile guaina. Coni maschili piccoli, ovoidali, di colore giallo dorato, riuniti in amenti apicali; coni femminili solitari o appaiati, di forma conica e colore bruno-rosso lucido. Strobili con breve peduncolo, semi nerastri con un’ala allungata.

In passato nelle Marche si adoperava la corteccia per l'estrazione del tannino e di una sostanza colorante utilizzata per tingere di rosso le reti dei pescatori, mentre in Corsica le reti dei pescatori erano tinte con la corteccia di Pinus nigra J.F. Arnold subsp. laricio (Poir.) Marie (pino laricio) e P. pinaster Aiton (pino marittimo).

 

Letto 144 volte