Arbutus unedo L.

  • Nome comune: Corbezzolo; Albatro; Arbuto; Cocomero; Rossetto; Suorvo
  • Famiglia: Ericaceae
  • Provenienza: Pianta originaria dell'Europa meridionale, delle coste mediterranee del nord Africa e dell'Asia occidentale.
  • Tipo corologico: STENO-MEDIT.
  • forma biologica: P
  • Periodo fioritura: Ott. - Nov.

DIMENSIONE E PORTAMENTO
Il portamento del Corbezzolo può essere arboreo o arbustivo-cespuglioso, con chioma rada, molto irregolare e di forma varia. Raggiunge altezze variabili da 1-2 m fino a 8-10 m.


TRONCO E CORTECCIA
Pianta con fusto eretto, contorto, ramificato spesso fin dalla base, con ramificazioni irregolari e portamento eretto o "aperto", quasi orizzontale. La scorza è bruno-rossastra e rugosa; negli organi legnosi più vecchi si sfalda in sottili strisce longitudinali. 


FOGLIE, GEMME E RAMETTI
Pianta a foglie persistenti, semplici con lamina coriacea oblunga e lanceolata, con apice acuto o acuminato e margine seghettato. Le foglie hanno un corto picciolo, sono lunghe 7-12 cm, di color verde scuro e lucide (nella pagina superiore). I giovani rametti sono ocraceo-rossastri e tomentosi. L'inserzione delle foglie è spiralato-alterna.


STRUTTURE RIPRODUTTIVE
Il Corbezzolo è una pianta con fiori ermafroditi riuniti in infiorescenze terminali a pannocchia pendula (di 6-10 cm). I singoli fiori sono bianco-giallastri, con corolla urceolata (campanula chiusa con apice aperto a corona) larghi 5-10 mm e tipicamente peduncolati (i peduncoli e a volte i fiori presentano sfumature rosate più o meno intense). Il frutto è rappresentato da una specie di bacca (capsula) edule ma non molto pregiata o gustosa.

Letto 296 volte