Morus nigra L.

  • Nome comune: Gelso nero, Moro
  • Famiglia: MORACEAE
  • Tipo corologico: SW-Asiat.
  • forma biologica: P scap
  • Periodo fioritura: Apr. - Giu.

Albero alto fino a 8(-10) m, con fogliame deciduo, chioma espansa, tronco corto e molto ramificato; foglie da ovate a lanceolate, cuoriformi alla base, margine dentato, verde-scuro e lucide superiormente, chiare e densamente pubescenti inferiormente. Fiori sia ermafroditi che unisessuali (pianta monoica), riuniti in amenti.  Frutto: pseudodrupe carnose, rosso-violacee, a maturità aggregate in una infruttescenza (mora) ovoide.

Originaria dell’Asia, è stata importata in Europa con il baco da seta, che si nutre solo delle sue foglie.

Con un decotto del legno secco sminuzzato veniva tinta la lana in giallo opaco o giallo oliva, più solido con l’aggiunta di cremore di tartaro come mordenzante. I principi tintori  sono la morina e la maclurina, la prima più efficace. Il succo dei frutti maturi tinge lana e seta in belle sfumature viola e lilla, ma i colori sono instabili; è impiegato come colorante naturale dall'industria alimentare.

 

Letto 164 volte